Latteria Soligo ad Artigianato Vivo

Dal 5 al 15 Agosto vi aspettiamo alle Case Marian con lo stand dei nostri prodotti e le dimostrazioni dal vivo dei nostri mastri casari che, seguendo le ricette tradizionali, realizzeranno dal vivo Casatella Trevigiana, Burro e Mozzarella.

DSCN9455

 

In uno dei più bei Borghi d’Italia, incastonato tra le splendide colline del Prosecco Superiore, si tiene uno degli eventi estivi di maggior richiamo turistico in Veneto. Dal 5 al 15 agosto 2017 ritorna a Cison di Valmarino la Rassegna “Artigianato Vivo”, 37^ edizione, appuntamento cui Latteria Soligo non ha voluto mancare perché rappresenta al meglio il territorio e la storia locali.

Frequentato da circa 400 mila visitatori ogni anno, Artigianato Vivo è una avvenimento davvero unico nel suo genere che apre tra arte, mestieri e folklore, spettacoli e mostre, incontri e animazioni culturali. Cison di Valmarino diventa dunque la capitale dell’Artigianato, alla scoperta di antichi saperi e mestieri manuali, per ricreare un curioso laboratorio artigiano a cielo aperto. Con la sua presenza Latteria Soligo, forte di una storia di oltre 130 anni, vuole simboleggiare quanto la produzione del latte e la realizzazione di formaggi tipici e tradizionali sia un patrimonio culturale da salvaguardare. Anche per questo allo stand di Latteria Soligo che sarà ancora alle Case Marian si terranno nei weekend le dimostrazioni dei nostri esperti casari che realizzeranno indiretta, secondo i procedimenti tradizionali, la Casatella Trevigiana DOP, il burro e la mozzarella. Allo stand Soligo si potranno assaggiare e acquistare tutte le migliori specialità casearie dell’amato marchio, simbolo di qualità e attenzione per la salute: formaggi DOP (Asiago, Casatella Trevigiana) tradizionali come l’Imbriago, specialità tipiche come il Soligo Oro e poi la mozzarella, oggi anche senza lattosio e BIO.

DSCN9451

L’arte dei nostri mastri casari si inserisce perfettamente in una manifestazione che vuole celebrare i riti della manualità, la riscoperta di un sapere e di una tecnica, spesso tramandati di generazione in generazione, che hanno fatto della produzione made in Italy un vanto in tutto il mondo. Oltre 200 espositori, piccoli bottegai, mastri artigiani, ceramisti, artisti del vetro, dei metalli, del legno, della pelle e del cuoio, animeranno le vie e i borghi più suggestivi del paese.

Il percorso, come ogni anno, parte a sud dell’abitato del Paese, dall’Oasi di San Francesco, per risalire attraverso un suggestivo susseguirsi di stradine e scorci del bellissimo centro storico cittadino, sino alla centralissima piazza Roma, passando per luoghi colmi di fascino e interesse come la chiesetta di San Vito, il Cortivo de Otimo e la zona ex-Filanda, per raggiungere a nord le ex-Cantine Brandolini, esempio ben riuscito di restauro e recupero di locali storici e da qui ridiscendere a ponente verso le Case Marian.

19955976_10213153909032697_5656218516930706923_o

 

Annunci

Il latte solidale per le stalle terremotate

GRAZIE AI CONSUMATORI SOLIGO!

E’ stato consegnato nelle mani del vice presidente di Grifo Latte Perugia, Carlo Beccarelli, l’assegno da 15 mila euro frutto della solidarietà verso le aziende agricole delle aree terremotate del centro Italia. La cerimonia di consegna è avvenuta venerdì sera, nell’ambito del Gran Galà della Primavera del Prosecco Superiore, anteprima alla Notte Bianca del Gusto che si è svolta sabato sera in Latteria Soligo.

Jpeg

La cifra è stata raggiunta grazie all’iniziativa “1 centesimo per Amatrice” realizzata nei mesi scorsi da Latteria di Soligo: “Per alcuni mesi i nostri allevatori hanno rinunciato ad una piccola parte del loro guadagno, un centesimo per ogni litro di latte Soligo che è arrivato sulle tavole. Sembra una goccia, ma moltiplicata per milioni di litri può fare molto. Un ringraziamento quindi va alle 200 azienda agricole dei nostri soci che, nonostante le difficoltà non si tirano mai indietro nell’aiutare gli altri. Grazie anche ai nostri consumatori che scegliendo il nostro latte ci hanno aiutati a raggiungere il risultato. Siamo particolarmente felici – ha affermato il presidente Soligo, Lorenzo Brugnera – di consegnare a Grifo Latte questa cifra, a loro ci lega la stessa missione cooperativa in difesa delle nostre stalle”.

“Non buttare via una goccia di latte”, questo è stato l’obiettivo che ha unito tanti agricoltori dal Nord al Sud dell’Italia. Grazie al Gruppo cooperativo Grifo Agroalimentare, che ha tre stabilimenti a Norcia, Colfiorito di Foligno e Ponte San Giovanni (Perugia), sono state salvate oltre 100 aziende agricole che hanno potuto continuare a conferire il loro latte, nonostante gli impianti di produzione fossero danneggiati. Una mobilitazione straordinaria ha così garantito ogni giorno la mungitura e l’alimentazione delle mucche sopravvissute, raccogliendo quotidianamente il latte su strade dissestate o chiuse, organizzando la trasformazione nella cooperativa dove è diretto ora gran parte del latte proveniente dalle stalle delle aree terremotate. Con il latte sono state realizzate le Caciotte Solidali, vendute anche nella Marca attraverso la rete dei mercati di Campagna Amica, Coldiretti. “Molto spesso si parla di solidarietà a parole – ha commentato Carlo Beccarelli di Grifo Latte – qui invece si è dimostrata la solidarietà coi fatti. Il mondo cooperativo dimostra di essere una grande rete”.

Foto gruppo

Il weekend di eventi, realizzati da Primavera del Prosecco Superiore in collaborazione con Latteria Soligo, ha visto lo stabilimento di Farra animarsi di migliaia di presenze di due giorni: per il Gran Galà che, venerdì sera, ha visto assegnati i premi del Concorso enologico Fascetta d’Oro e, sabato sera, per la Notte Bianca del Gusto. Oltre 90 i partecipanti alle degustazioni guidate a numero chiuso, sala gremita anche all’auditorium Santo Stefano di Farra per il convegno “La nostra terra” dedicato al riconoscimento Unesco.

NBdG_4

Notte Bianca del Gusto 2017

46f7fd19-672e-4347-bfeb-00cd742dc732

Metti una sera d’estate, metti le colline della Marca, unisci un’atmosfera di festa dove si incontrano i gusti della nostra terra, ecco gli ingredienti perfetti per un evento imperdibile. Dopo il successo delle prime due edizioni torna “La Notte Bianca del Gusto”, l’evento di promozione e valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche dell’Altamarca Trevigiana che si terrà sabato 8 luglio nello stabilimento di Latteria Soligo (ingresso via Conte, Soligo) a partire dalle ore 18. Si potranno degustare i vini vincitori del Concorso Enologico “Fascetta d’Oro” in abbinamento ai prodotti tipici del territorio: a partire dalle eccellenze della tradizione casearia. Ci saranno naturalmente i formaggi di Latteria Soligo, realizzati con Latte QV, come la Casatella Trevigiana DOP, ora anche BIO e la mozzarella STG, ora anche senza Lattosio. Saranno inoltre presenti le latterie: Sant’Andrea, Latteria di Tarzo e Revine, il Centro caseario Cansiglio di Tambre e la cooperativa agricola Agricansiglio di Fregona. Il menù degustazione sarà composto dal tradizionale spiedo d’Altamarca, dai tortelli alla Casatella Trevigiana DOP del Pastificio Veneto di Montebelluna, i formaggi della Latteria Soligo, i piatti proposti dagli alunni del Dieffe di Valdobbiadene, la pizza realizzata sul posto dal maestro pizzaiolo Mirko Fariello con la mozzarella Soligo SGT e Casatella e poi gelato, dolci e frutta. Il costo delle degustazioni è di 10€ + 2€ di cauzione bicchiere e ciascuno potrà combinare il proprio percorso gastronomico a piacere (ogni coupon degustazione avrà dei tagliandi che andranno a scalare in base al valore assegnato alle degustazioni). Il vino invece è incluso, sarà inoltre possibile acquistare bottiglie dei vini premiati. La serata sarà animata dagli attori dell’Atelier Teatrale Carronavalis, che accoglieranno gli ospiti e chiuderanno la serata con uno spettacolo di fuoco alle ore 22,00 e dalla musica del DJ Umberto Ravazzolo. Tre momenti di degustazione guidata uniranno poesia, vino e formaggi del territorio.

IMG_3423

 

Soligo è green: verso l’impatto zero

Approvato l’iter progettuale per la nuova centrale a biomasse, cui si aggiungono impianto fotovoltaico, sistemi di trattamento delle acque ed efficientamento energetico.

_Z5B2967

Latteria Soligo è forte della consapevolezza che, in un settore che attraversa anni difficili, può crescere chi sa garantire ai consumatori la qualità di prodotti, realizzati secondo valori etici come il rispetto per la salute dell’uomo, per l’ambiente e per gli animali allevati.

SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE: Soligo ha annunciato investimenti strategici per la riduzione dell’impatto ambientale di tutta la filiera produttiva. Lorenzo Brugnera, presidente Latteria Soligo: “La nostra mission è di realizzare un’agricoltura e dei prodotti che rispettino l’ambiente e guardino al benessere dei nostri consumatori. La nostra qualità è frutto di eccellenza in tutte le fasi di produzione, per questo siamo intervenuti con importanti investimenti nei nostri stabilimenti: con un impianto fotovoltaico da 800 KWatt e ora daremo il via ad un impianto a bio masse, che ci convertirà per buona parte alle fonti rinnovabili. I nostri caseifici lavorano a energia circolare, dove nulla deve essere sprecato: abbiamo investito in nuovi sistemi refrigeranti (applicando tecnologie computerizzate Premio Innovazione Legambiente) e ridotto l’utilizzo di acqua (attraverso linee a vapore per la produzione dei formaggi filati) e realizzato impianti di depurazione che restituiscono alle nostre campagne acqua di fiume, adatta all’irrigazione”. L’azienda è lieta di comunicare oggi l’approvazione definitiva del l’iter progettuale per la realizzazione del nuovo impianto a bio masse (prestazioni etc.) per un investimento del valore di 2,5 milioni, grazie al supporto del PSR, Piano Sviluppo Rurale Regione del Veneto. Per prima in Italia, Soligo si è impegnata a ridurre l’impronta ambientale nella produzione dell’Asiago DOP (la latteria è il terzo produttore nazionale della pregiata denominazione) avviando la Life Cycle Assessment (Valutazione del Ciclo di Vita) e verificando come per ogni Kg di Asiago si producano oggi 10 Kg di C02: avere la consapevolezza di questi studi scientifici consentirà ora di investire per ridurre l’impatto della produzione. “Interverremo anche nella logistica, sia interna che esterna – aggiunge il presidente Brugnera –  per ridurre i consumi di carburante. Nuove tecnologie informatiche consentiranno infatti di collegare direttamente caseificio con i negozi del dettaglio per aggiornare in tempo reale domanda/offerta riducendo i viaggi inutili”.

_Z5B1946

BENESSERE ANIMALE: Ma la qualità della filiera Soligo inizia dalle stalle, dove lavorano tutti i giorni i soci della cooperativa: “Ormai l’86% delle nostre stalle produce Latte QV a Qualità Verificata. Un marchio che corrisponde ad un disciplinare di produzione rigido, controllato da enti certificatori esterni. Grazie alle regole che ci siamo imposti è accresciuto il benessere delle nostre bovine da latte: un dato misurabile in termini di qualità del latte. Nelle stalle Soligo QV si è infatti registrato un abbassamento delle cellule somatiche nel latte, il segno tangibile che le bovine sono in salute e producono latte superiore anche grazie ad una dieta naturalmente integrata con razioni quotidiane di semi di lino per aumentare i salutari Omega3”. Una conversione che la cooperativa ha ottenuto anche attraverso incentivi premiali ai soci, cui si aggiunge il passaggio al biologico di numerose stalle che ha consentito il lancio della nuova linea di prodotti BIO (latte, formaggi freschi, mozzarella STG). “Siamo stati i primi ad adottare il marchio QV per il latte, ora saremo i primi ad adottare il disciplinare anche per i formaggi”, conclude il presidente. Tutto ciò per esser sempre più fedele alla mission di offrire “prodotti perfetti” al consumatore.