Grande successo a Cison per l’evento che abbina le eccellenze di Latteria e Cantina Soligo

Territorio, qualità, impegno e valorizzazione. Sono questi i presupposti da cui è nata l’iniziativa “Soligo Soligo”, ovvero i migliori prodotti della nostra Latteria abbinati ai vini di eccellenza di Cantina Colli del Soligo. Sabato 17 marzo si sono svolte presso le Case Marian di Cison di Valmarino (TV) quattro sessioni degustative.

Un appuntamento che si inserisce nel calendario di “Assaporando Cison”, manifestazione giunta alla VII edizione che intende promuovere il patrimonio culturale, ambientale ed enogastronomico per cui Cison di Valmarino è rinomata.

29196271_1127715077370375_1215079525445009408_n

Non una semplice degustazione, “Soligo Soligo”, ma un vero progetto di collaborazione tra due realtà cooperative di riferimento nel panorama enogastronomico locale, che hanno fatto della promozione territoriale e della produzione di qualità la propria inconfondibile firma: “Siamo convinti che la sinergia sia la vera chiave per promuovere efficacemente le nostre zone e le nostre produzioni – spiega il presidente di Latteria Soligo, Lorenzo Brugnera – e questa degustazione organizzata in collaborazione con Cantina Soligo lo dimostra una volta di più. Con la cantina condividiamo infatti valori ed obiettivi, come lo sviluppo del territorio, il rispetto della natura, la realizzazione di prodotti perfetti”.

La degustazione è stata un grande successo, grazie a cinque abbinamenti davvero azzeccati:

  • Lea Casatella trevigiana DOP  abbinata a “Villa Maria Prosecco Conegliano Valdobbiadene DOCG”
  • Breganze con “Col de Mez Prosecco Frizzante DOCG”
  • Soligo Selezione Oro con “Col de Mez Conegliano Prosecco Superiore DOCG Brut”
  • Imbriago di Monovitigno Incrocio Manzoni con “Gre Man Spumante Extra Dry”
  • Soligo barricato al pepe con “Levigato Pinot Nero Marca Trevigiana IGT”
Annunci

Burro e salute umana. Perché fa bene?

Il burro, da sempre usato nella nostra cucina, è ricavato dalla trasformazione di una crema estratta dal latte di mucca, comunemente chiamata panna. Ma fa bene alla salute oppure no? Facciamo un po’ di chiarezza.

La sua particolarità è quella di avere un elevato valore energetico (740 kcl/100g) ed essere ricco di vitamina A, utile al sistema visivo. Il burro contiene inoltre vitamina E, K2 e D, utili a loro volta per un corretto assorbimento del fosforo e del calcio.

L’elemento che più di ogni altro rende il burro un prezioso alleato per la nostra salute è però un altro: l’acido linoleico coniugato (c18:3, CLA). Questo acido grasso contribuisce a prevenire diabete, cancro e altre gravi patologie. Inoltre ha altre funzioni protettive dell’intestino e antinfiammatorie.

burro

Il burro può essere usato in vari modi, ma è preferibile consumarlo crudo. Sconsigliamo quindi di utilizzarlo per la frittura di cibi, per via del suo basso punto di fumo, tra i 120°C ed i 160°C.

Riassumendo, quindi, grazie alle numerose sostanze nutrizionali benefiche il burro è un vero amico della nostra salute anche se, come tutti i grassi, va assunto con moderazione per via dell’elevato valore energetico.