Il “Fior di Casatella” dedicato a Vittorio Veneto

Dalla collaborazione tra Latteria Soligo e IPSAR Beltrame nasce una ricetta unica che porta la primavera nel piatto.

Un dolce inedito e goloso, ideato per un’occasione speciale e dedicato ad uno dei prodotti più preziosi di Latteria di Soligo.

È questo l’omaggio alla città di Vittorio Veneto che gli studenti dell’Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione “A.Beltrame” hanno ideato in occasione de “La città e il Fiore”, trentaseiesima edizione della mostra florovivaistica più importante del Vittoriese.

Una manifestazione che celebra l’arrivo della primavera e che, domenica 8 aprile, vedrà Latteria Soligo al fianco degli studenti dell’IPSAR Beltrame, le cui proposte finger-food allieteranno la giornata delle migliaia di persone in visita a Vittorio Veneto, alla scoperta del centro cittadino colorato da fiori e piante, tra mostre di bonsai, pittura e tanti laboratori a tema.

In particolare, i giovani chef e pasticceri vittoriesi proporranno in degustazione al pubblico un dolce inedito, creato dall’abbinamento di due eccellenze del territorio: Lea Casatella Trevigiana DOP di Latteria Soligo e i Bibanesi. Dal matrimonio di questi ingredienti, a cui è stato aggiunto un pizzico di fantasia, è nata la Quenelle di Mousse di Lea Casatella Trevigiana DOP e fiori di Primavera su cialda di Bibanese e marmellata amara. Una ricetta realizzata in esclusiva per questo appuntamento, che vuole raccontare agli ospiti della manifestazione la grande qualità di questi prodotti che sono simbolo di impegno, tradizione e cultura.

Ipsar Vittorio veneto.jpg

Una delizia per il palato e per la vista, che addolcirà certamente la passeggiata dei tanti visitatori che domenica potranno scoprire anche le altre eccellenze Soligo: il Burro tradizionale, il formaggio Soligo mezzano e il latte Alta Qualità a Marchio QV Qualità Verificata.

Annunci

Grande successo a Cison per l’evento che abbina le eccellenze di Latteria e Cantina Soligo

Territorio, qualità, impegno e valorizzazione. Sono questi i presupposti da cui è nata l’iniziativa “Soligo Soligo”, ovvero i migliori prodotti della nostra Latteria abbinati ai vini di eccellenza di Cantina Colli del Soligo. Sabato 17 marzo si sono svolte presso le Case Marian di Cison di Valmarino (TV) quattro sessioni degustative.

Un appuntamento che si inserisce nel calendario di “Assaporando Cison”, manifestazione giunta alla VII edizione che intende promuovere il patrimonio culturale, ambientale ed enogastronomico per cui Cison di Valmarino è rinomata.

29196271_1127715077370375_1215079525445009408_n

Non una semplice degustazione, “Soligo Soligo”, ma un vero progetto di collaborazione tra due realtà cooperative di riferimento nel panorama enogastronomico locale, che hanno fatto della promozione territoriale e della produzione di qualità la propria inconfondibile firma: “Siamo convinti che la sinergia sia la vera chiave per promuovere efficacemente le nostre zone e le nostre produzioni – spiega il presidente di Latteria Soligo, Lorenzo Brugnera – e questa degustazione organizzata in collaborazione con Cantina Soligo lo dimostra una volta di più. Con la cantina condividiamo infatti valori ed obiettivi, come lo sviluppo del territorio, il rispetto della natura, la realizzazione di prodotti perfetti”.

La degustazione è stata un grande successo, grazie a cinque abbinamenti davvero azzeccati:

  • Lea Casatella trevigiana DOP  abbinata a “Villa Maria Prosecco Conegliano Valdobbiadene DOCG”
  • Breganze con “Col de Mez Prosecco Frizzante DOCG”
  • Soligo Selezione Oro con “Col de Mez Conegliano Prosecco Superiore DOCG Brut”
  • Imbriago di Monovitigno Incrocio Manzoni con “Gre Man Spumante Extra Dry”
  • Soligo barricato al pepe con “Levigato Pinot Nero Marca Trevigiana IGT”

Burro e salute umana. Perché fa bene?

Il burro, da sempre usato nella nostra cucina, è ricavato dalla trasformazione di una crema estratta dal latte di mucca, comunemente chiamata panna. Ma fa bene alla salute oppure no? Facciamo un po’ di chiarezza.

La sua particolarità è quella di avere un elevato valore energetico (740 kcl/100g) ed essere ricco di vitamina A, utile al sistema visivo. Il burro contiene inoltre vitamina E, K2 e D, utili a loro volta per un corretto assorbimento del fosforo e del calcio.

L’elemento che più di ogni altro rende il burro un prezioso alleato per la nostra salute è però un altro: l’acido linoleico coniugato (c18:3, CLA). Questo acido grasso contribuisce a prevenire diabete, cancro e altre gravi patologie. Inoltre ha altre funzioni protettive dell’intestino e antinfiammatorie.

burro

Il burro può essere usato in vari modi, ma è preferibile consumarlo crudo. Sconsigliamo quindi di utilizzarlo per la frittura di cibi, per via del suo basso punto di fumo, tra i 120°C ed i 160°C.

Riassumendo, quindi, grazie alle numerose sostanze nutrizionali benefiche il burro è un vero amico della nostra salute anche se, come tutti i grassi, va assunto con moderazione per via dell’elevato valore energetico.

“Passione Veneta”: anche la nostra Casatella Trevigiana DOP alla tre giorni dedicata ai formaggi di qualità

Dal 23 al 25 febbraio si terrà al Foro Boario di Vicenza “Passione Veneta”, un evento che nasce con lo scopo di valorizzare il formaggio di qualità. Anche noi saremo protagonisti di questa iniziativa grazie a Lea, la Casatella Trevigiana DOP di Latteria Soligo.

gif3.png

Due i messaggi chiave che Passione Veneta vuole lanciare ai consumatori: la qualità del formaggio veneto e l’importanza che lo stesso riveste per la salute dell’uomo. Tre giorni di informazione, formazione, ma anche divertimento, nel corso dei quali sarà possibile conoscere e degustare il meglio delle produzioni lattiero casearie venete.

Per l’intera durata di Passione Veneta in una grande tensostruttura riscaldata sarà attiva la cucina, aperta anche a pranzo, che proporrà piatti raffinati realizzati con gli straordinari formaggi veneti. Tra questi potrete assaggiare la deliziosa battuta di carne su letto di Casatella Trevigiana DOP. Non mancheranno le birre artigianali e l’Enoteca con una selezione dei 50 migliori vini del Veneto.

Nr. 2.jpg

Passione Veneta è una novità importante, alla sua prima edizione. L’evento è patrocinato dalla Regione del Veneto e dal Comune di Vicenza e realizzato con il contributo di Camera di Commercio di Vicenza, Campagna Amica di Vicenza, Qualità Verificata ed Unicarve. Gli sponsor sono i Consorzi di tutela Grana Padano DOP, Casatella Trevigiana DOP, Piave DOP ed Asiago DOP.

A dare il via a Passione Veneta, venerdì 23 febbraio alle 20.00, sarà una Cena di gala, a base dei formaggi DOP del Veneto, aperta a tutti fino ad esaurimento posti (costo 35 euro).

Info e programma completo su www.passioneveneta.it

Garantire sicurezza totale al consumatore intervenendo in tempo reale sull’intera produzione

Quello che sembrava utopia per l’industria agroalimentare oggi è realtà: si può cominciare a dire addio al controllo a campione sui prodotti. Ora una nuova tecnologia per garantire la qualità ha reso questa operazione obsoleta. Il progetto di ricerca europeo Safetypack rivoluziona gli standard della sicurezza alimentare, permettendo di controllare lo stato dell’atmosfera protettiva di tutte le confezioni di formaggio direttamente sulla linea di confezionamento, senza alterare l’imballo o il prodotto.

Latteria Soligo è la prima azienda lattiero casearia a livello internazionale ad adottare questa innovazione. Lo stabilimento pioniere è stato quello di Farra di Soligo (TV), che grazie alla tecnologia Safetypack riesce a monitorare costantemente il confezionamento delle mozzarelle. Questo processo, reso possibile da sensori che utilizzano la spettroscopia laser, non solo garantisce l’assenza di prodotti non conformi, ma assicura che sapore, aroma e proprietà organolettiche restino inalterate.

confezionamento.png

“Fa un certo effetto sentirsi dire che la nostra latteria è la prima al mondo, in ambito lattiero caseario, ad avere applicato la tecnologia per il controllo in linea, e non più a campione, delle confezioni in atmosfera modificata – ha sottolineato con emozione Lorenzo Brugnera, presidente di Latteria Soligo – Penso che poter garantire a chi acquista i nostri prodotti una salubrità ed una sicurezza del 100% sia il risultato che ogni azienda dell’agroalimentare ambisce raggiungere e risponda al meglio alla mission che ci hanno lasciato i nostri padri fondatori, quando hanno scritto nel nostro statuto l’obiettivo di realizzare prodotti perfetti”.

Si aggiunge così un nuovo capitolo nella storia di Latteria Soligo, azienda nata nel 1883 e da sempre proiettata verso l’innovazione e l’attenzione al benessere dei consumatori.

L’impatto del latte sulla salute umana. La parola alla scienza

Negli ultimi anni sta avvenendo una vera e propria rivoluzione delle abitudini alimentari, dettata da mode che mettono in discussione la salubrità del cibo tradizionale. Ma nel terzo millennio c’è ancora posto per il latte sulle tavole degli italiani? La scienza dice assolutamente di sì.

Le caratteristiche del latte hanno numerosi effetti positivi sulla nostra salute: effetti anti microbici, antiossidanti, immunomodulatori, effetti inibitori nei confronti di alcuni enzimi, effetti anti-trombotici e fungono da antagonisti nei confronti di diversi agenti tossici.

provetta.png

Insomma, secondo le ricerche della King Saud University, i latticini svolgono ancora un ruolo fondamentale nella nostra dieta, unendo alla bontà e alla semplicità numerose qualità benefiche. Per esempio aiutano a regolare le risposte immunitarie, gastroenteriche, ormonali e nervose. Un valido aiuto per i più grandi, ma soprattutto per la crescita dei più piccoli.

Grazie a queste qualità e alla grande versatilità fisiologica, il latte viene studiato per scopi farmaceutici da ricercatori di tutto il mondo. L’obiettivo è quello di ottenere prodotti con proprietà nutraceutiche supplementari.

Il latte, quindi, rimane un elemento prezioso per la nostra alimentazione. Vi invitiamo ad approfondire l’argomento in questo articolo pubblicato da Ruminantia.it.

Gli studenti del Liceo “Marconi” presentano il progetto “Alice” contro la violenza di genere

Venerdì 19 gennaio nell’Aula Magna dell’istituto “Da Collo” verrà approfondito il tema della violenza di genere. Informazione e sensibilizzazione grazie al progetto di “Fondazione di comunità della sinistra Piave”, sostenuto da ULSS 2 e Latteria Soligo.

Dopo aver fatto breccia nel cuore di imprenditori e consumatori, il progetto “Nel mondo di Alice ogni donna è felice” è pronto a toccare anche i più giovani. Venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 20.30 gli studenti del Liceo Marconi di Conegliano presenteranno l’iniziativa nell’ambito del progetto “Attiviamo la Solidarietà”.

La campagna contro la violenza di genere, realizzata da “Fondazione di comunità della sinistra Piave”, ha finora riscosso grande successo, coinvolgendo molte realtà del territorio. Sono infatti quasi un migliaio le attività commerciali che hanno aderito, esponendo il marchio dell’iniziativa nei loro esercizi. Bar, supermercati, panetterie, ma non solo: anche Latteria Soligo si è impegnata nel progetto “Alice”. La cooperativa veneta ha contribuito alla causa, veicolando il messaggio di rispetto attraverso la vendita di latte fresco e altri prodotti caseari. Una parte del ricavato sarà inoltre destinata ai servizi a sostegno delle vittime. In particolare i fondi raccolti (15mila euro nell’ultima edizione del progetto) andranno a sostenere il Centro Anti Violenze (CAV) di Vittorio Veneto, che si occupa dell’accoglienza e del supporto alle vittime di violenza.

hand-1832921_1920

Organizzare un incontro riservato agli studenti è senz’altro un’occasione importante per formare gli adulti di domani. Attraverso l’informazione e la sensibilizzazione si può contribuire a risolvere quello che è un grosso problema culturale. Ogni anno, infatti, sono centinaia le donne che si rivolgono al pronto soccorso dell’ULSS 2 per aver subito violenza fisica. L’incontro solidale, aperto agli studenti, si terrà nell’Aula Magna dell’ISISS “Da Collo”, in via Galilei, 6. Oltre al tema della violenza sulle donne si parlerà anche del progetto “Attiviamo la solidarietà” e dell’esperienza di Alternanza Scuola Lavoro. Si ringraziano il Prof. Vincenzo Gioffrè (preside dell’istituto ospitante), il Prof.  Stefano Da Ros (preside del “Marconi”) e tutti quanti hanno contribuito all’organizzazione di questo incontro.